Transforming a threat into an opportunity through Fintech
Finanza e Gestione20 aprile, 2021

Il passato è passato, il futuro è la chiave del successo come il vostro investimento nella FP&A

Obbiettivo: Allineate il business planning e gli investimenti FP&A perché, qualunque sia la storia dell'azienda per cui lavorate, i prossimi due anni saranno più importanti degli ultimi 50.
Questo vuole forse dire che il passato non conta più nulla o solo che il presente è radicalmente diverso da quello a cui siamo sempre stati abituati?

Anche prima che la pandemia sconvolgesse le nostre vite, il percorso verso il successo aveva virato drasticamente rispetto alle vie tradizionali. Tra i segnali di questo cambiamento c’è il fatto che aziende storicamente di successo sono ancora in gioco, non tanto perché si reggono su formule consolidate e basate sulla fiducia, quanto perché negli ultimi cinque anni hanno saputo trasformarsi. E nel business odierno, beh... la storia parla da sé. Che ci piaccia o no, dobbiamo accettare l’incertezza di questo periodo storico.

Due fattori chiave

Due sono i fattori principali che hanno causato questo fenomeno: basse barriere d’ingresso in molti settori e una riduzione dell'avversione al rischio. In questo contesto, non è mai stato così importante integrare l'imprevedibilità nei modelli finanziari. Siate proattivi quando potete, ma reattivi quando dovete.

Ma in ogni caso, siate attivi. Stabilite gli obiettivi. Che l'azienda per la quale state lavorando sia una startup o un colosso del mercato, il processo decisionale deve pesare maggiormente sul lato strategico, piuttosto che sulla pianificazione operativa giornaliera.

Questo non significa certo che la pianificazione operativa non sia importante. Tutt’altro. Ma il software CPM dovrebbe fare il "lavoro pesante" occupandosi delle attività standard che impiegano il tempo del CFO, dal reporting normativo alla raccolta dei dati. Assegnato il compito dall’ intelligent planning, il software traduce i dati in informazioni e, una volta analizzate, indicano gli effetti e le ripercussioni delle decisioni strategiche che le imprese devono prendere per avere successo nel futuro.

Gli obiettivi, le idee, grandi o piccole che siano, devono infatti rientrare nell'ambito della fattibilità. Quindi, per determinarla, avete bisogno di strumenti già pronti e disponibili, che possono supportare un processo decisionale tempestivo ed efficace all'interno di una soluzione FP&A unificata, strutturata per evolversi con il business.

Nel bene o nel male, sono le interdipendenze tra tutte le attività a tenere insieme un'organizzazione. Il FP&A all'interno di una soluzione CPM globale on-cloud a supporto dell’area Finance, porterà tutti i vostri processi e i dati finanziari e operativi in un’unica piattaforma integrata che sarà in grado di rivelare l'effetto di queste interdipendenze. Sarà sostenuta dall’artificial intelligence e dal machine learning, tecnologie sempre più a supporto delle imprese, perché l'innovazione e l'automazione sono ora reciprocamente dipendenti.

La nostra soluzione CPM ti permetterà di avere una proiezione delle scelte strategiche intraprese sul tuo business. Il tutto senza saltare continuamente da uno strumento all'altro.

Quindi, che si tratti di ridestinare una catena di montaggio, di adottare la produzione just-in-time o di imbarcarsi in una nuova esperienza promozionale, cominciate ad utilizzare lo strumento giusto per le vostre esigenze, grazie ad analisi what-if basate su un FP&A su una piattaforma integrata, con strumenti analitici per prevedere i risultati in modo significativo, sulla base di dati aggregati da ogni angolo. Evitate le insidie, acerrime nemiche di una buona strategia, come ad esempio una cattiva assegnazione dei costi fissi e del capitale umano, le sovvenzioni incrociate tra i prodotti e così via.

 

È il momento di assicurarsi che la vostra soluzione FP&A sia adatta per gestire l’imprevedibile trasformandolo in prevedibile.

 
Anton Niculescu
Managing Partners - Spoke Global
Anton Niculescu ha fatto parte del panorama CPM/EPM poco dopo aver lasciato EY per entrare a far parte di Clarity Systems nel 2000. La sua carriera si è evoluta come Sr VP Professional Services presso Clarity Systems, per poi assumere incarichi come Lab Director/EMEA Executive presso IBM Cognos Group, e Direttore Generale Nord America per CCH Tagetik. Attualmente è Managing Partner di Spoke Global.