Holiday Supply Chain Chaos
Finanza e Gestione17 gennaio, 2022

Supply Chain: come gestire la catena di approvvigionamento

Negli ultimi mesi si sono riscontrati numerosi problemi rispetto ai tempi di approvvigionamento. Queste difficoltà influiranno sulla supply chain per il 2022? Se sì, quale sarà l’impatto?

Il caos della catena di approvvigionamento mondiale che abbiamo vissuto nelle ultime settimane del 2021, continuerà. Per la maggior parte delle aziende, l'ultimo trimestre dell'anno rappresenta una parte molto significativa delle transazioni e delle entrate annuali. E gli impatti sulla supply chain, come le carenze di materiali e i porti bloccati, non possono essere risolti dall'accelerazione e dall'aumento della manodopera, perché questi sono problemi condivisi. Naturalmente, c'è anche la complessità aggiunta delle nuove chiusure dei paesi che non può essere risolti da un giorno all'altro.

Di conseguenza, le domande sul futuro abbondano. Come possiamo gestire la pianificazione nel medio periodo e cosa faremo sul lungo termine? Come possiamo produrre forecast accurati? Come prendiamo in considerazione le incertezze sul lato dell'offerta? Come le attuali difficoltà influenzeranno la gestione della supply chain nel 2022?

Abbiamo incontrato Brian Lewis, Product Manager di CCH® Tagetik Supply Chain Planning e ingegnere industriale con 16 anni di esperienza nella gestione della supply chain, per aiutarci a rispondere ad alcune di queste domande e capire meglio cosa stiamo vivendo ora e cosa dovremmo aspettarci nel prossimo futuro.

Demand Planning: tra domanda persa e domanda repressa

Con l'avvicinarsi del 2021, abbiamo assistito a tempi di consegna sempre più lunghi e sempre più alti volumi delle merci da consegnare. Quali sono le aree di maggiore impatto quando si parla di pianificazione dell'offerta e della domanda? E qual è il rapporto con il Finance e, in particolare, con la pianificazione finanziaria?

Dal lato della vendita al dettaglio, se non abbiamo la merce che i clienti stanno cercando sui nostri scaffali, questi si rivolgeranno altrove? È probabile che questi tipi di ritardi siano trasversali, quindi lo stesso prodotto potrebbe essere esaurito in più punti vendita. 

La domanda che dobbiamo porci, quindi, è: abbiamo davvero perso un acquisto? Per rispondere bisogna fare una considerazione sulla pianificazione della domanda (demand planning), se siamo nello scenario in cui non abbiamo il prodotto o la materia prima di cui abbiamo bisogno: questo acquisto non andato a buon fine è una domanda persa che non potremo mai recuperare, o è piuttosto dovuto a una domanda repressa? Nel caso di quest'ultima, una volta che il prodotto torna in magazzino, saremo in grado di venderlo o consumarlo. Questa differenza tra domanda persa e domanda repressa è il modo in cui imposterei la base del demand planning.

Se si tratta di domanda repressa, voglio essere sicuro di avere ordini dal punto di vista della pianificazione dell'offerta (supply planning). Voglio assicurarmi di avere ordini in corso perché so che c'è una domanda per le merci o le materie prime.

Se il prodotto non arriverà in tempo e non sarà riordinato, la domanda è veramente persa. In questo scenario, probabilmente non vogliamo più quel prodotto e quindi dal lato del demand planning forse dovrei cancellare gli ordini ai miei fornitori.
Se il prodotto fosse già in transito, sarebbe ormai troppo tardi per cancellare l’ordine, quindi dovremmo iniziare a pensare a cosa fare con il prodotto che riceveremo. Sarà necessario creare una strategia condivisa con i sales e con il marketing per spingere la vendita dell’articolo, ad esempio attraverso promozioni speciali o simili, perché avremo più di quanto abbiamo realmente bisogno sugli scaffali mentre la domanda sarà praticamente sparita.

Passando a una prospettiva puramente finance, questi problemi hanno grandi effetti sulle entrate dei rivenditori e dei distributori. I negozi iniziano l'effetto a catena degli ordini cancellati che arriva fino alle materie prime. Se i clienti non possono comprare perché non ci sono prodotti sugli scaffali, i commercianti iniziano a cancellare gli ordini ai distributori. Poi i distributori annullano gli ordini ai produttori. I produttori, a loro volta, annullano gli ordini di materie prime ai loro fornitori. Questi fornitori, distributori o produttori, cancellano gli ordini ai fornitori e così via. Ogni ordine che viene cancellato influisce sulle di ogni attore coinvolto nel processo. E l’ammontare della perdita di entrate dipende anche da quando questi ordini vengono cancellati, dallo stato della spedizione o della produzione.

Ad esempio, se un rivenditore annulla un ordine, ma questo risulta bloccato in un container di una nave, il suo distributore potrebbe essere colpito da una doppia perdita: da una parte per aver già pagato per il prodotto e dall’altra per averlo spedito ai centri di distribuzione. Il commerciante perde le entrate di quelle vendite, ma il distributore oltre alla perdita delle entrate, ha anche una grande quantità di prodotti che non saprà come smaltire.

CONSIGLIO: Osserva la domanda da una duplice prospettiva. È una domanda repressa o una domanda persa? Questo determinerà il rischio che negozi o distributori cancellino gli ordini. 

Visibilità sull’intera catena di approvviginamento

Abbiamo visto una tempesta perfetta di problemi a causa della pandemia COVID-19, con venditori e spedizionieri incapaci di prevedere le date di consegna, materiali e merci bloccati. In che modo questo ha un impatto su coloro che si occupano della supply, demand, inventory e S&OP (Sales & Operation Planning) planning? Quali dovrebbero essere le aree di attenzione per strutturare una pianificazione affidabile? Come dovrebbe cambiare la pianificazione nel 2022?

Molto dipenderà da come le aziende vorranno pianificare l'incertezza. Le aziende stanno già pensando se la supply chain tornerà a scorrere nel 2022 e se possono ragionevolmente aspettarsi che l'intero arretrato sia completamente smaltito. Cosa significherà questo per tutto il processo di approvvigionamento? Dobbiamo già iniziare a pensare di ordinare ora i prodotti di cui avremo bisogno alla fine del 2022?

Considerando le perturbazioni che si stanno affrontando attualmente, le aziende iniziano a fare hedging e a sovra-ordinare ora, dato che non si può più contare su spedizioni regolari. Questo, però, crea l'effetto frusta (Effetto Forrester o bullwhip), in cui i piccoli cambiamenti al punto finale si amplificano sempre più attraverso la catena di approvvigionamento fino a quando, apparentemente all'improvviso, i produttori di materie prime si ritroveranno a ordinare molto di più a causa dei segnali amplificati.

CONSIGLIO: È importante saper leggere piccole fluttuazioni o incertezze, per non rischiare di subirne gli effetti amplificati, mentre scorrono attraverso la catena di approvvigionamento.

Supply Chain Management: i sistemi a supporto

C'è una luce alla fine del tunnel? Dovremmo aspettarci di uscire da queste perturbazioni? Quali sono le caratteristiche di una pianificazione efficace, efficiente e di valore verso e oltre il 2022?

Fortunatamente, la risposta è sì. In un modo o nell'altro, con abbastanza tempo, lo supereremo nello stesso modo in cui abbiamo superato le precedenti grandi crisi. Ci saranno sempre degli eventi imprevisti che causeranno dei cambiamenti o delle interruzioni al normale flusso di lavoro che possono sembrare catastrofiche al momento, ma che hanno un impatto piuttosto piccolo nel lungo termine.

Ogni azienda, in questo momento, sta pianificando il suo futuro rispetto a quello che è lo stato attuale delle cose e a quello che ha vissuto fino a questo momento. Utilizzare tecnologie e soluzioni avanzate può aiutare le organizzazioni e, in particolare, l’area Finance a capire come pianificare il 2022.

I clienti di CCH® Tagetik Supply Chain Planning, infatti, sono stati in grado di vedere la crescente incertezza nella domanda e nell'offerta perché il nostro sistema ha colto i segnali del mercato e ha detto loro: "I vostri tempi di consegna stanno diventando sempre più lunghi. Di conseguenza, dovreste ordinare di più o anticipare i vostri tempi normali". 
In questo modo, i nostri clienti sono stati in grado di reagire rapidamente. Il che non significa che non siano stati toccati da molti dei cambiamenti improvvisi, ma hanno avuto in vantaggio di pianificare meglio l'incertezza. E questo significa che, alla fine, quando cominceremo a uscire da questa situazione, con la domanda che ricomincerà a stabilizzarsi e i tempi di consegna che torneranno a essere meno volatili, i nostri clienti saranno in anticipo rispetto al mercato.

Le aziende che non hanno un sistema di pianificazione della supply chain adattivo e predittivo probabilmente sono state colpite duramente. Quindi i miei consigli finali sono: 

  • assicuratevi che i vostri sistemi siano robusti e resistenti; 
  • pianificate l'incertezza usando gli strumenti giusti; 
  • sfruttate al massimo i sistemi di adaptive forecasting che prendono in considerazione tutti i dati necessari dai vari sistemi 

Così facendo sarete in gradi di poter affrontare meglio il caos attuale e gli imprevisti del futuro.

Brian Lewis
VP, Product Management - CCH Tagetik

Brian has over 15 years of experience in predictive planning, advanced analytics, and supply chain optimization. Prior to joining CCH Tagetik, Brian worked at Ford Motor Company and UPS. He has a PhD in Industrial and Systems Engineering from the Georgia Institute of Technology, a MSE in Industrial and Operations Engineering from the University of Michigan, and a BS in Industrial Engineering and Operations Research from the University of California, Berkeley.

Solution
CCH® Tagetik
Supply Chain Planning
Back To Top