ingegnere ambientale
Compliance30 novembre, 2021

L'ingegnere ambientale oggi tra industria 4.0 e transizione ecologica

Nel contesto più ampio delle professioni green, oggi più che mai richieste dal mercato del lavoro per fare fronte alle nuove sfide imposte dalla transizione ecologica in atto, quella dell’ingegnere ambientale è una figura professionale che, nata e sviluppatasi nel corso degli ultimi lustri, si è andata connotando per il possesso di competenze trasversali, che la rendono in grado di operare, in sinergia con altri professionisti del settore ambientale.

La professione dell’ingegnere ambientale come l’abbiamo conosciuta finora

Come conferma Andrea Quaranta, auditor ambientale ed Environmental Risk and crisis manager, all’ingegnere ambientale si chiede di:

  • progettare opere di ingegneria civile a basso impatto ambientale;
  • garantire un utilizzo responsabile e sostenibile delle risorse del territorio;
  • occuparsi di mettere in sicurezza territorio e infrastrutture;
  • monitorare le risorse idriche;
  • risanare gli ambienti inquinati;
  • bonificare siti contaminati;
  • produrre sistemi informativi territoriali;
  • pianificare interventi di difesa del territorio;
  • valutare e certificare la qualità ambientale;
  • salvaguardare persone e beni dai rischi ambientali;
  • studiare, valutare e gestire gli effetti dannosi dell’attività umana sull’ambiente;
  • coordinare e gestire diversi progetti ambientali.

Nell’e-book di recente pubblicazione “Professioni verdi: guida ai green jobs - Vademecum per orientarsi nelle professioni del futuro (che è adesso)”, nel delineare i tratti salienti delle 100 professioni del futuro (green manager, consulenti ambientali, controller ambientali, HSE Manager, professionisti della sostenibilità, solo per fare qualche esempio), si è affrontato anche parla anche della figura dell’ingegnere ambientale.
Si tratta di un profilo può essere annoverato tra le professioni ambientali operative, le c.d. consulenze ambientali.

La green economy, la transizione ecologica e l’evoluzione della professione

Oggi il legame fra industria e tutela dell’ambiente è sempre più stretto e complesso.
Non si tratta soltanto dell’inquinamento diretto che le attività industriali comportano, né di quelli indiretti: basti pensare ai cambiamenti climatici, effetto “secondario” dell’inquinamento atmosferico.
Si tratta, bensì, anche di aspetti politici e, quindi, normativi, a valle dei quali ci sono gli aspetti legati al consumo di materie prime (e, di converso, alla produzione di rifiuti) e di aspetti economici: l’ambiente non è soltanto un aspetto naturalistico, ma anche un aspetto economico. È business (se fatto in modo sostenibile).

E così, la crescente necessità di ridurre (o quantomeno mitigare) l’impatto ambientale dei prodotti e delle attività antropiche, considerandone l’interno ciclo di vita (“dalla culla alla tomba”: dalla ricerca e selezione delle materie prime al fine vita del prodotto, che deve essere concepito in modo tale da garantirne utilizzi successivi, e/o un recupero spinto) ha reso – e renderà sempre di più in futuro – necessario per l’ingegnere ambientale l’acquisizione di nuove competenze (non solo ambientali. In ogni caso: trasversali) in materia di:

  • valutazione dell’impatto ambientale degli stabilimenti industriali;
  • green economy e transizione ecologica;
  • industria 4.0 e smart grid, solo per fare qualche esempio.

Cosa si intende per transizione ecologica?

La transizione ecologica
È il passaggio, o meglio la trasformazione, da un sistema produttivo intensivo e lineare (produzione-consumo-smaltimento) e quindi non sostenibile, a un modello che invece ha nelle molteplici sostenibilità (ambientale, sociale ed economica) il proprio punto di forza, e nell’economia circolare il suo strumento principe. Oggi la transizione ecologica è al centro del dibattito politico e dei progetti di molti tra i più importanti Stati d’Europa e del mondo. L’obiettivo è quello di realizzare un processo di cambiamento, un rilancio dell’economia e dei settori produttivi all’interno di un quadro delineato e ben definito che metta al centro la tutela e il rispetto dell’ambiente, al fine di contrastare non solo la crisi climatica, diventata un’emergenza stringente e non più rimandabile, e la riduzione della dipendenza energetica dai paesi esteri e dalle fonti fossili, ma anche gli squilibri sociali evidenziati ancora di più dal protrarsi della pandemia, che ha ridisegnato e modificato abitudini e quotidianità di tutti noi.

Cosa studiare oggi per diventare ingegnere ambientale?

Internazionalizzazione e digitalizzazione sono le chiavi per affrontare la sfida della transizione ecologica.
L’Università di Trento, ad esempio, ha recentemente integrato il curriculum studiorum del corso di laurea magistrale di ingegneria ambientale per adeguarlo alle nuove richieste del mercato del lavoro.
Il Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica (Dicam) di UniTrento, infatti, ha attivato due curricula in inglese, che vanno a rafforzare la dimensione internazionale della didattica e della ricerca del Dipartimento.

Con un percorso magistrale unico in Italia focalizzato sulla modellazione dei processi ambientali e con un ampliamento dell’offerta in inglese l’Ateneo di Trento risponde all’esigenza della generazione del Patto verde europeo di prepararsi alle sfide più attuali della professione ingegneristica.

Nel dettaglio – si legge nel sito dell’Ateneo – “la revisione della laurea magistrale in Ingegneria per l’ambiente e il territorio ha portato all’ideazione di un percorso unico in Italia focalizzato sulla modellazione dei processi ambientali (Modelling and Simulation) e al rafforzamento dell’internazionalizzazione del percorso dedicato alla sostenibilità e alla cooperazione (Environmental Sustainability and International Cooperation)”.

I due curricula sono, ovviamente, interamente in inglese e si affiancano ai due più tradizionali dell’ingegneria ambientale, ora in lingua mista.
L’offerta didattica intende approfondire i temi più attuali della professione: dalla difesa del territorio alla prevenzione dei dissesti, dalla gestione sostenibile delle risorse al risanamento dell’ambiente, fino all’uso di tecnologie verdi nelle infrastrutture.
L’obiettivo dichiarato è proprio quello di “sviluppare quelle competenze trasversali (dall’apertura interdisciplinare alla flessibilità, dalle abilità comunicative alla capacità di gestire i conflitti) che il mondo del lavoro richiede in modo sempre più pressante”.

Quale approfondimento (deepening) e quali opportunità di carriera (career opportunities) per l’ingegnere ambientale?

La nuova offerta dà la possibilità di specializzarsi in quattro aree:

  • risorse idriche e protezione del territorio;
  • qualità ambientale e tecnologie di risanamento;
  • sostenibilità ambientale e cooperazione internazionale;
  • modellazione e simulazione.

I percorsi saranno attivati all’Università di Trento a partire dall’anno accademico 2021/22.
Le opportunità di carriera per un ingegnere ambientale, dunque, posso essere, e già nel breve periodo saranno sempre più, anche internazionali, e riguardare la difesa dai pericoli idrogeologici, la gestione e tutela delle risorse idriche, la protezione degli ecosistemi acquatici e terrestri, la sostenibilità urbana, le strutture igienico-sanitarie e la salute ambientale, nel contesto dei cambiamenti climatici in atto.

L’urgenza di attuare la transizione ecologica, infatti, impone la necessità di adottare soluzioni che al tempo stesso siano in grado di assicurare lo sviluppo delle attività antropiche, e di tutelare la salute del Pianeta. Il presupposto per realizzare questi progetti è una solida formazione disciplinare che consenta:

  • la comprensione delle interrelazioni tra sistemi ambientali e antropici,
  • la capacità di trovare soluzioni a problemi complessi, trasformando le sfide ambientali in opportunità e rendendo la transizione verde il più possibile equa e inclusiva.

La multidisciplinarietà è la qualità più richiesta all’ingegnere ambientale

Concludendo, per esercitare una professione come quella dell’ingegnere ambientale è fondamentale saper instaurare un interscambio continuo con altri professionisti, nell’ambito di progetti complessi dove è fondamentale:

  • la capacità di saper lavorare in team con un approccio multi-disciplinare ai problemi;
  • la capacità di sapersi “approvvigionare” di saperi, conoscenze e novità che la ricerca scientifica e tecnologica mettono continuamente a disposizione;
  • la familiarità con strumenti tecnico-informatici sempre più sofisticati, che consentono per esempio di “simulare” gli impatti ambientali di un determinato progetto;
  • ed in ultima analisi la capacità di sapersi muovere in un contesto internazionale perché sempre di più i soggetti finanziatori di grandi progetti legati alla transizione ecologica saranno istituzioni internazionali ed altri soggetti privati.

Wolters Kluwer ha creato una community online dedicata agli HSE Manager d’Italia e a tutti coloro che operano in questo settore. Ogni giorno contenuti originali, opinioni di esperti e altro materiale viene messo a disposizione della discussione tra gli addetti ai lavori, con un occhio all’attualità e l’altro alla normativa.

Entra a far parte di Linkedin HSE Manager Wolters Kluwer Italia

SIMPLEDO
La soluzione web-based per gli HSE Manager
La piattaforma all-in-one per la gestione della salute, della sicurezza e dell'ambiente in azienda.
Back To Top