Finanza e Gestione31 gennaio, 2022

L'ESG e le performance Finance: come leggere i dati

I dati ESG possono migliorare le performance aziendali legate alla sostenibilità, ma non solo. Scopri come utilizzarli al meglio per la tua azienda.Quando si pensa all'ESG (Environmental Social Governance), è probabile che vengano subito in mente termini come disclosure, reporting e regulation. Quadri e regolamenti come GRI, SASB e la tassonomia dell'UE sono carichi pesanti da portare sulle spalle. Ma il reporting ESG può essere molto di più di un “semplice” adempimento di disclosure. Infatti, come i processi che vengono impostati per completarli, i dati ESG possono fare molto di più per il business della tua azienda.

La domanda giusta da porci è: stiamo sfruttando tutto il loro potenziale? Per la maggior parte di noi, la risposta è probabilmente no. 

Non c’è ombra di dubbio che redigere correttamente il reporting ESG sia fondamentale per soddisfare i requisiti normativi emergenti, influenzare positivamente i rating di credito e migliorare la reputazione tra gli investitori. Tuttavia, è possibile usare i dati di performance anche per migliorare l'impatto e il planning della sostenibilità e per vedere in che modo questi elementi siano correlati alla fiancial performance del business e, quindi, come possano essere utilizzati come strumento per il planning, verso una crescita sostenibile a lungo termine.

Utilizzo dei dati ESG per arricchire i budget e l'analisi dei costi

Come detto, i dati di performance ESG non servono solo per il reporting. Quando sono integrati in una strategia di eXtended Planning & Analysis (xP&A) è possibile notare come questi interagiscano e influenzino le informazioni a livello Financial e altre informazioni operative per produrre budget, report sulle variazioni e analisi predittive.

Immaginia, ad esempio, di lavorare per un'azienda di moda che vuole passare ai materiali riciclati come parte di un'iniziativa per combattere la produzione eccessiva di rifiuti. Le decisioni che prenderesti per realizzare questo obiettivo avrebbero un impatto significativo su tutta la linea di produzione. Dovresti adattare gli impianti di produzione e questo avrebbe ripercussioni a livello Financial, sulla supply chain e sulle consegne. 

La capacità di osservare i dati relativi a fattori ambientali, sociali e di governance nel contesto Finance e di altri dati di planning è fondamentale per rendere le iniziative ESG davvero sostenibili e, oserei dire, redditizie. Aggiungendo questi dati nel processo di planning che la tua azienda utilizza per pianificare la forza lavoro, le vendite e l'inventario, potrai effettuare what-if analisi e simulare scenari in modo da determinare quale azione ESG produce il miglior risultato per la sostenibilità e per il bilancio

Business model e crescita aziendale sostenibile

Il cambiamento climatico è una minaccia reale. L'appello globale a combattere contro una sempre più imminente catastrofe offre alle organizzazioni un’opportunità straordinaria per attrarre gli investitori ed entrare in nuovi mercati, tutto ciò sempre facendo bene alla Terra e alle sue popolazioni.

I dati legati a fattori ESG possono far luce su aree critiche: ad esempio, in che modo cambiare le fonti energetiche a favore di fonti rinnovabili produrrebbe un impatto sui costi? Oppure, come le risorse naturali influenzerebbero le vendite? Le organizzazioni possono usare questi insight per rivedere il loro business model e sviluppare in modo concreto gli obiettivi di sviluppo sostenibile

Per alcune aziende, questo può significare identificare aree operative mature per un cambiamento sostenibile degli aspetti sociali più rilevanti. Potresti, ad esempio, analizzare i dati di planning della forza lavoro per determinare le aree dell’azienda in cui mancano rappresentanze di genere o etnie o che soffrono di grandi gap salariali, per poi adottare le necessarie misure correttive a costruire un personale più inclusivo e con una retribuzione più equa. 

Per altre realtà, i dati ESG potrebbero indicare nuove opportunità sui prodotti. Prendiamo le auto elettriche. C'è stato un tempo in cui molti ritenevamo assurda la transizione globale verso i veicoli elettrici. I nuovi dati possono aiutare a individuare le aree mature del business per effettuare gli investimenti di sostenibilità e per verificare se anche i clienti sono propensi alle innovazioni.

Ma c’è di più! Infatti, questi dati potrebbero essere usati anche per fusioni, acquisizioni o investimenti in aziende sostenibili, permettendo di consolidare gli sforzi in ambito ambientale, sociale e di governance e rendere il portafoglio aziendale più sostenibile all’interno della governance generale. 

Tutti questi esempi hanno un elemento in comune: l’uso dei dati ESG per identificare le aree di crescita sostenibile tramite analisi e predictive planning. 

Come mitigare i rischi connessi alla sostenibilità

Parlare di sostenibilità vuol dire parlare di rischio: per il pianeta, per il benessere umano, per l'etica e di credito. Per cui, il rischio e il tema dell’Environmental Social Governance sono intrinsecamente legati ed è necessario applicare la normativa in modo da mitigare i rischi.

Immaginiamo che la tua azienda abbia avviato un progetto per ridurre le emissioni di carbonio. Avrete comunicato i propri obiettivi agli azionisti e, anche se la scadenza per quell'obiettivo è ancora lontana, dal monitoraggio della performance ESG risulta che le cose non stiano andando come previsto. Probabilmente non arriverete all’obiettivo prefissato. Ai primi segnali d’allarme, è possibile adottare con anticipo le necessarie misure di mitigazione, cambiare rotta e riallocare il budget, in modo che al momento di comunicare le performance, lo score ESG venga preservato. 

Inoltre, è possibile utilizzare i dati per ridurre il rischio di credito, modellando gli scenari che potrebbero influenzare il rating ESG. Dato che un rating basso può costituire una minaccia per il prezzo delle azioni, le stock option, l'accesso al capitale e la capacità di attirare gli investitori, il rating ESG rappresenta un grande rischio per l’organizzazione. Grazie alla possibilità di utilizzo dei dati per modellare il risultato delle attività di sostenibilità e il loro effetto potenziale sullo score ESG, potete scegliere di perseguire le iniziative ESG che hanno l'impatto più desiderabile. 

Per attenuare i rischi, è necessario integrare ESG in un quadro più ampio di gestione del rischio. Controlli dei dati e della governance, trasparenza delle comunicazioni, predictive planning, lungimiranza nel prepararsi alle minacce e all'evoluzione dei regolamenti, sono questi gli elementi che ci dicono che il rischio ESG deve essere preso sul serio tanto quanto il rischio di liquidità. 

Da fattori sostenibili ad aziende sostenibili

La soluzione che utilizzi per gestire i vostri dati di sostenibilità dovrebbe soddisfare tutti gli aspetti legati alla conformità. Tuttavia, è necessario ricordare che: la sostenibilità non riguarda solo la gestione di una singola linea di abbigliamento che utilizza plastica riciclata o un obiettivo annuale di riduzione delle emissioni. Si tratta piuttosto di trasformarsi in un'impresa sostenibile

Le aziende che non stanno prendendo in considerazione i fattori ESG non sono ritenute un buon investimento, né ora né nel prossimo futuro. Pertanto, è chiaro che i dati ESG non dovrebbero essere limitati alla sola disclosure, ma devono essere la base per costruire piani, previsioni, attività per la mitigazione dei rischi e la strategia generale. Così facendo, le aziende possono svolgere un servizio eccellente tanto a favore di loro stesse quanto degli altri, migliorando il pianeta e il modo in cui facciamo business.

Tenendo presente tutto ciò, crediamo fortemente nell'utilizzo del pieno potenziale dei dati ESG, con l’ampliamento dell'uso di tali informazioni per arricchire il processo decisionale, i piani a lungo termine e la reputazione della tua azienda attraverso una soluzione che facilita XP&A così come il reporting e la disclosure.

Scopri la soluzione CCH Tagetik ESG & Sustainability

Soluzione
CCH® Tagetik
ESG & Sustainability Performance Management
Back To Top