Fatture estere elettroniche
Fisco, Contabilità e PagheCompliance27 maggio, 2022

Fatture elettroniche estere: con Fattura SMART è più semplice!

 

Ecco cosa devi sapere sulla fatturazione elettronica estera!

Quali sono i cambiamenti con le fatture estere? Quali campi vanno compilati e in quale modo? Sono tante le domande che riguardano questo argomento, dal momento che dal 1° luglio 2022 le operazioni da e verso l’estero (UE o extra-UE) devono essere gestite obbligatoriamente tramite fatturazione elettronica. Si tratta di un cambiamento recente, ecco perché è importante fare chiarezza e capire quali soluzioni abbiamo a disposizione per adempiere a questo compito al meglio. Per te e per i tuoi clienti.

Iniziamo da un cambiamento sostanziale. Con la fatturazione elettronica per l’estero è stato di fatto "eliminato" l'esterometro, ovvero quell’adempimento che in precedenza doveva rispettare chi doveva fatturare con l'estero.
Non solo: la normativa definisce i termini entro cui trasmettere i dati in modo telematico, facendo un distinguo tra operazioni attive e operazioni passive. Per le prime, considerando l'invio di una fattura elettronica immediata, il termine è di 12 giorni dalla data di effettuazione dell'operazione. Per le seconde (ovvero tutte quelle fatture ricevute da un soggetto non stabilito in Italia) si devono trasmettere i dati entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello di ricevimento del documento.

Ma quali sono i “campi” di compilazione che in una fattura elettronica estera non devono mai mancare?

  1. SdI (Codice destinatario): la sequenza di 7 caratteri necessaria sia per i clienti UE (residenti nell’Unione Europea), sia extra UE.
  2. IdPaese: in cui indicare il paese del cessionario / commitente della fattura elettronica inserendo la sigla del paese estero.
  3. CAP: nel caso dell’estero va compilato il campo utilizzando il valore generico 00000.
  4. IdCodice e Codice Fiscale: compilabile all'interno della sezione “IdFiscaleIVA”, blocco cessionario/committente.
  5. Codici Natura IVA per operazioni con l’estero.

Sicuramente, da commercialista, riceverai richieste di “aiuto” costanti anche per quanto riguarda questo tipo di fatturazione: è recente, quindi può apparire più complesso di quanto non sia realmente.

Come puoi fare ad aiutare al meglio i tuoi clienti? Ancora una volta la tecnologia e in particolare tutta l’efficienza di Fattura SMART possono venirti in aiuto, grazie alla SMART Skill Gestione Fatture estere.


E, da professionista, puoi scegliere tra due “strade” di gestione clienti: gestire in prima persona l’adempimento della fatturazione estera, oppure delegare l’adempimento ai tuoi clienti.
In questo schema puoi verificare le principali differenze:

Quali sono i pro della prima condizione? Ovvero nel caso in cui tu funga da intermediario per la fatturazione estera? E i contro?

Tra i pro abbiamo sicuramente il mantenimento del fatturato legato ad adempimento esterometro e il fatto di continuare a offrire un servizio prezioso per i tuoi clienti. Tra gli eventuali contro potremmo incontrare invece la responsabilità legata all’emissione delle fatture e i tempi ristretti rispetto alle comunicazioni esterometro.

In ogni caso con Fattura SMART e le sue SMART Skill anche la fatturazione elettronica verso l’estero sarà più fluida, controllata e sicura. Per te e per i tuoi clienti!
La soluzione che fa per te
Fattura SMART Skill
La soluzione per velocizzare e automatizzare la fatturazione elettronica direttamente in Fattura SMART. Un ecosistema di funzionalità che vanno oltre la fatturazione elettronica.
La soluzione che fa per te
Fattura SMART Skill
La soluzione per velocizzare e automatizzare la fatturazione elettronica direttamente in Fattura SMART. Un ecosistema di funzionalità che vanno oltre la fatturazione elettronica.
Back To Top