Sicurezza in azienda e nuove priorità
Compliance05 febbraio, 2021

Sicurezza in azienda e nuove priorità: un approccio strutturato per affrontarle

I nuovi scenari globali generati dalla diffusione a livello pandemico del Covid-19 hanno reso la salute e la sicurezza dei lavoratori un tema fra i più dibattuti dell’ultimo periodo.

Le disposizioni normative e le misure ad hoc introdotte per garantire la salute e sicurezza dei lavoratori nelle aziende, durante l’emergenza pandemica, sono state quasi all’ordine del giorno, come ad esempio il protocollo del 14 marzo 2020 firmato da sindacati e imprese (in questo articolo di Teknoring.com se ne spiegano i contenuti).

Tutte le figure professionali del mondo HSE sono state coinvolte per consentire alle aziende di tutti i livelli di affrontare l’emergenza e adattarsi a una situazione sopraggiunta in modo del tutto imprevisto e inedito.

Questo articolo spiega quali strategie deve usare un’azienda per garantire i nuovi standard di sicurezza e a quali soluzioni si può affidare, al netto dei principali aspetti del nuovo contesto. Si spiega, inoltre, come SIMPLEDO, la soluzione gestionale Wolters Kluwer Italia, rivolta a tutte le aziende che puntano alla gestione E2E della Salute e Sicurezza sul Lavoro, può rappresentare un valido supporto nella gestione HSE delle aziende soprattutto in un momento come questo.

Covid-19 e rischio biologico: Valutazione del rischio e obblighi e responsabilità del datore di lavoro

Il primo tassello del nuovo contesto riguarda la valutazione del rischio: è necessario aggiornare il DVR, integrandolo con tutti i rischi inerenti gli “agenti biologici”? Questo è il primo quesito che le figure che si occupano di sicurezza in azienda devono risolvere.

In aziende in cui l’uso degli agenti biologici è connaturato per tipologia di attività, infatti, il datore di lavoro dovrà verificare in primo luogo l’adeguatezza delle misure di prevenzione e protezione già attivate e nel caso aggiornare la valutazione dell’esposizione dei lavoratori a rischio biologico.

Il rischio biologico da SARS-CoV-2 in tutti i restanti settori lavorativi, invece, è assimilabile al rischio generico. Pertanto, si applicheranno le disposizioni di prevenzione e protezione stabilite dalle norme ad hoc di contenimento del contagio da Coronavirus.

Sorveglianza sanitaria, DPI, formazione e informazione: i 3 assi della sicurezza in azienda in epoca post Covid-19

Cosa bisogna fare nel campo della Sorveglianza sanitaria obbligatoria, dei DPI e della formazione?

DPI
Un aspetto che va evidenziato è la diffusione e l’obbligo in epoca post Covid-19 dell’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI), come le mascherine o filtranti facciali, in tutti i settori lavorativi a tutti i livelli e figure professionali. In condizioni normali l’uso dei DPI era limitato a determinate tipologie di attività o figure lavorative.

Attualmente, i lavoratori che entrano in diretto contatto con il pubblico e/o con persone con diagnosi sospetta o acclarata di Covid-19 dovranno indossare mascherine certificate FFP per la protezione delle vie respiratorie e guanti.

Sorveglianza sanitaria e protocollo speciale
Un protocollo speciale per la sorveglianza sanitaria dispone le misure ad hoc per prevenire e controllare la trasmissione del virus in azienda (es.: rilevare la temperatura corporea dei dipendenti all’ingresso dello stabile). A questo si unisce la sorveglianza sanitaria periodica, già pianificata, che dovrà essere effettuata rispettando le misure igieniche indicate dal Ministero della Salute.

Formazione esclusivamente da remoto
L’attività di formazione prosegue in modalità da remoto o in e-learning. Risultano sospese tutte le attività formative in presenza o corsi frontali in aula.

Obbligo di informazione
L’emergenza Covid-19 ha reso ancora più importante l’obbligo di informazione dell’azienda verso i propri dipendenti, in modo da tenerli costantemente aggiornati sul virus, sullo stato attuale della situazione e su relative procedure/comportamenti igienico sanitari da adottare nell’ambiente di lavoro.

Igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro e Covid-19
Le disposizioni in materia di igiene e sicurezza degli ambienti di lavoro in vigore sono state integrate con nuove misure di salubrità e gestione degli spazi per evitare/contenere il contagio. Le elenchiamo qui di seguito:

  • pulizia giornaliera e sanificazione periodica dei locali, delle postazioni di lavoro (ivi incluse tastiere, schermi touch, mouse), aree comuni e aree di svago;
  • divieto di riunioni “in presenza” (eccetto quelle urgenti, a patto che si svolgano con un numero ridotto di persone che consenta di rispettare il metro di distanza interpersonale);
  • prosecuzione delle attività lavorative in smart working (lavoro da remoto) per reparti diversi dalla produzione;
  • accessi scaglionati nelle aree di lavoro comuni ai dipendenti.

Come gestire in modo efficiente ed efficace l’applicazione di queste numerose misure di protezione e prevenzione?

Una gestione conforme alle regole e alle misure appena enunciate manterrà la sicurezza del luogo di lavoro e dei lavoratori, nel rispetto della privacy dei propri lavoratori nel trattamento dei dati sensibili. Solo la raccolta di informazioni sui movimenti e sullo stato di salute di dipendenti, fornitori e visitatori, infatti, consente di applicare le misure di prevenzione del rischio. La questione della compliance alla normativa europea del GDPR 2016/679 ha quindi un ruolo chiave: un approccio strutturato alla sicurezza in azienda è la strategia vincente.

Cosa significa gestire la Salute e Sicurezza sul lavoro con approccio strutturato?

Quando si parla di approccio strutturato applicato alla sicurezza dei lavoratori in azienda significa considerare la necessità di un monitoraggio a 360° di tutto ciò che accade nel perimetro aziendale: questo consente di gestire efficacemente i processi HSE e individuare e implementare le misure ad hoc necessarie per la prevenzione, il monitoraggio e la riduzione della trasmissione del virus sul luogo di lavoro. In linea con questa strategia, SIMPLEDO diventa un valido alleato.

SIMPLEDO, un valido supporto per la piena implementazione dei processi HSE

SIMPLEDO, la piattaforma web-based realizzata da Wolters Kluwer Italia per la gestione della salute, sicurezza, qualità e ambiente in azienda, è la soluzione che offre la più completa copertura funzionale in ambito HSE, garantendo la gestione E2E dei processi aziendali.

Progettato per rispondere alle esigenze dell’HSE Manager, SIMPLEDO rappresenta un valido supporto per la piena implementazione dei processi HSE, la gestione di adempimenti e scadenze e la raccolta di dati in piena sicurezza, come disposto dal GDPR 2016/679.

Dalla valutazione dinamica dei rischi al monitoraggio infortuni e near miss: le principali funzionalità di SIMPLEDO

Valutazione dinamica dei rischi e degli impatti ambientali, gestione di formazione, DPI e sorveglianza sanitaria, organizzazione visite mediche, controllo accessi e gestione appaltatori, monitoraggio infortuni e near miss, sono solo alcune delle principali funzionalità di SIMPLEDO.

Sicurezza e protezione dei dati grazie alla piattaforma on cloud Microsoft Azure

Infine, la piattaforma utilizzata per l’erogazione dei servizi è Microsoft Azure, il più innovativo e certificato servizio cloud che garantisce massimi livelli di performance, sicurezza e protezione dati.

Wolters Kluwer ha creato una community online dedicata agli HSE Manager d’Italia e a tutti coloro che operano in questo settore. Ogni giorno contenuti originali, opinioni di esperti e altro materiale viene messo a disposizione della discussione tra gli addetti ai lavori, con un occhio all’attualità e l’altro alla normativa.

Entra a far parte di Linkedin HSE Manager Wolters Kluwer Italia